Tag Archive: Osiris


DEI EGIZIANI

bw version of the Eye of Horus

Image via Wikipedia

Sole Ra Testa di falco e disco solare

Musica Hathor Corna di mucca e disco solare

Distruzione Sekhmet Testa di leone

Cielo Nut Cielo blu con stelle d’oro

Terra Geb Colore di piante e fango del Nilo

Morte Osiris Vestito di bianco con bastone e trinciatrici

Deserto Seth Testa di animale con muso lungo e curvo

Faraone Horus Testa di falco e corona d’Egitto

Magia Isis Trono in testa o bambino in braccio

Saggezza Thoth Testa di Ibis

Imbalsamazione Anubis Testa di sciacallo

Giustizia Ma’at Piuma tra i capelli

Creazione Amun Coronato di piume di struzzo

Gatti Bastet Testa di gatto

DIVINITA’ SOLARI

Cristo agonia

Image via Wikipedia

La religione è riuscita a convincere la gente che c’è un uomo invisibile, che vive nel cielo, che guarda tutto ciò che facciamo, ogni istante di ogni giorno. E l’uomo invisibile ha una lista speciale di dieci cose che non vuole voi facciate. E se fate anche solo una di queste dieci cose, ha un posto speciale, pieno di fuoco, fumo, persone che bruciano, tortura, angoscia. Nel quale vi spedirà a vivere, soffrire, bruciare, soffocare, urlare e piangere, per sempre fino alla fine dei tempi. MA LUI VI AMA.
Vi ama, e ha bisogno di soldi! Ha sempre bisogno di soldi! Le istituzioni religiose non pagano tasse, incassano miliardi di dollari, e ne vogliono sempre di più.

Il Mito Solare
Sin da 10000 anni prima di Cristo, la Storia è ricca di sculture e scritture che riflettono il rispetto e l’adorazione degli uomini per il Sole.
Questo perchè ogni mattina il Sole sorgeva, portava con se luce, calore e sicurezza, proteggendo l’uomo dalla fredda, buia, pericolosa oscurità della notte. Gli antichi capirono che senza il Sole i raccolti non sarebbero cresciuti, e che la vita sul pianeta non sarebbe più esistita. Queste realtà hanno fatto del Sole l’oggetto più adorato di tutti i tempi. Inoltre gli antichi erano anche molto coscienti delle stelle. Il tracciamento delle stelle permise loro di anticipare eventi come eclissi. Inoltre divisero le stelle in “costellazioni”.
La Croce dello Zodiaco (figura 1) è uno dei simboli concettuali più antichi della storia umana. Rappresenta, in modo figurato, il cammino del Sole attraverso le 12 costellazioni, lungo il corso dell’anno.
Sono inoltre rappresentati i 12 mesi dell’anno, le 4 stagioni, i solstizi e gli equinozi. Il termine “Zodiaco” deriva dal fatto che le costellazioni vennero personificate, tramite l’utilizzo di figure umane o animali. Le antiche civiltà non si limitarono quindi a seguire il Sole e le stelle, ma li personificarono con miti elaborati, che ne riflettevano movimenti e relazioni. Il Sole, date le sue qualità, venne impersonato come simbolo del Creatore invisibile o Dio, “Sole di Dio”, “Luce del mondo”, “Salvatore dell’Umanità”. Le 12 costellazioni, analogamente, rappresentavano le tappe del “Sole di Dio”, acui vennero associate dei nomi, derivanti di solito da elementi naturali presenti in quel periodo. Come ad esempio Acquario, il portatore d’acqua, che porta le pioggie primaverili.

Analogie Inquietanti

Horus è il Dio Sole dell’Egitto del 300 a.C. circa. Personifica il Sole, e la sua vita è una serie di mitologie allegoriche che hanno a che fare con i movimenti del Sole nel cielo. Sappiamo molto di questo Messia solare, grazie agli antichi geroglifici egiziani. Ad esempio Horus (Sole e luce) aveva un nemico, Set (oscurità e notte). Ogni mattina, Horus vinceva l’eterna battaglia contro Set, mentre la sera, Set sconfiggeva Horus, scagliandolo verso gli Inferi. È importante sottolineare che oscurità(luce o buono/cattivo, è una delle più usate dualità mitologiche mai conosciute, e viene usata a vari livelli ai giorno nostri.
La storia di Horus, in linee generali, è la seguente:

•Fu annunciata la sua nascita alla madre dall’angelo Thot, che le comunicò anche che il figlio sarebbe stato concepito verginalmente
•Nasce il 25 Dicembre dalla vergine Isis-Meri
•La sua nascita fu annunciata da una stella nell’Est
•Tre Re la seguirono per trovare e adorare il nuovo Salvatore
•All’età di 12 anni fu un insegnante prodigio
•A 30 anni venne battezzato da una figura di nome Anup
•Horus aveva 12 discepoli che viaggiavano con lui
•Eseguiva miracoli come curare i malati e camminare sull’acqua
•Aveva molti nomi gestuali, come “la Verità”, “la Luce”, “Il Sacro Figlio di Dio”, “il Buon Pastore”, “l’ Agnello di Dio”, e molti altri.
•Combatté 40 giorni nel deserto contro Set
•Tradito da Typhon, Horus fu crocifisso, sepolto per 3 giorno, e poi… resuscitò

Queste qualità di Horus, originali o meno, pare siano una costante, dato che esistono molte altre divinità, di popoli e culture differenti, che seguono la stessa struttura mitologica generale.

Attis, della Frigia

•Attis nacque il 25 Dicembre dalla Vergine Nana.
•Egli era considerato il salvatore che era stato ucciso per la salvezza dell’umanità.•Il suo corpo veniva mangiato come pane dai suoi adoratori.
•I suoi sacerdoti erano “eunuchi per il regno del cielo”.
•Egli era sia il Figlio Divino che il Padre.
•Nel “Venerdì Nero”, egli fu crocifisso ad una pianta, da cui il suo santo sangue fu versato per redimere la terra.
•Egli scese nel mondo sotterraneo.
•Dopo tre giorni, Attis fu risuscitato il 25 Marzo (come la tradizione sosteneva per Gesù) come il “Dio Altissimo”.

Krishna, India

• Krishna nacque dalla Vergine Devaki (“La Divina”) il 25 Dicembre
• Suo padre terrestre era un falegname
• La sua nascita fu segnalata da una stella nell’est e con la presenza di angeli e pastori, nel qual tempo gli fu fatto dono di spezie.
• Gli eserciti celesti danzarono e cantarono alla sua nascita.
• Krishna utilizzò le parabole per insegnare al popolo sulla carità e l’amore, ed egli “visse povero e amava i poveri”
• Il “discepolo amato” di Krishna fu Arjuna o Ar-jouan (Giovanni)
• Egli fu trasfigurato davanti ai suoi discepoli
• In alcune tradizioni egli morì su una pianta o fu crocifisso tra due ladri.
• Krishna fu ucciso intorno all’età di 30 anni, ed il sole si oscurò alla sua morte
• Egli era ritenuto il “Figlio di Dio” e il “nostro Signore e Salvatore”, che venne sulla terra per morire per la salvezza dell’uomo

E si potrebbe continuare con molti altri:
Chrishna , Hindostan
Budha Sakia , India
Salivahana , Bermuda
Zulis, or Zhule, d’Egitto
Odino, Scandinavia
Crite, Chaldea
Zoroastro e Mithra, Persia
Baal e Taut, Fenicia
Indra, Tibet
Bali, Afghanistan
Jao, Nepal
Wittoba, Bilingonese
Thammuz, Siria
Atys, Phrygia
Xamolxis, Thrace
Zoar, Bonzes
Adad, Assyria
Deva Tat e Sammonocadam, Siam
Alcides, Thebes
Mikado, Sintoos
Beddru, Japan
Hesus e Bremrillah, dei Druidi
Thor, dei Galli
Cadmus, Grecia
Dioniso, Grecia
Hil e Feta, Mandaites
Gentaut e Queztacoatl, Messico
Monarca Universale, Sibyls
Ischy, Formosa
Divino Insegnante, Plato
L’Unico Santo, Xaca
Fohi e Tien, Cina
Adone, figlio della vergine Io, Grecia
Ixion e Quirinus, Roma
Prometeo, Caucaso

Il dubbio rimane: perchè queste caratteristiche? Perchè la nascita da una vergine il 25 dicembre, perchè la morte per 3 giorni e la resurrezione, perchè 12 discepoli o segaci?
Per scoprirlo, esaminiamo il più recente dei Messia solari.

Gesù Cristo
Gesù nacque dalla vergine Maria il 25 dicembre a Betlemme, la sua nascita fu annunciata da una stella dell’Est, che tre Re, o Re Magi, seguirono per trovare e adorare il nuovo Salvatore. All’età di 12 anni fu un insegnante prodigio, a 30 fu battezzato da Giovanni Battista, dopo il quale comincio la sua predicazione.
Gesù aveva 12 discepoli, compiva miracoli come guarire i malati, camminare sull’acqua, destare i morti, era anche noto come “il Re dei Re”, “il Figlio di Dio”, “la Luce del Mondo”, “l’Alpha e Omega”, “l’Agnello di Dio”, e molti altri. Tradito dal discepolo Giuda e venduto per 30 denari d’argento, fu crocifisso, sepolto in una tomba, e dopo 3 giorni, resuscitò e ascese al cielo.

Innanzitutto, la sequenza della nascita è del tutto astrologica. La stella dell’Est è Sirio, la stella più luminosa della notte, che il 24 dicembre si allinea con le 3 stelle più luminose della Cintura di Orione. Queste 3 stelle venivano chiamate nell’antichità I Tre Re. I Tre Re e Sirio, puntano tutte verso il luogo in cui sorge il Sole il 25 dicembre. Questo è il motivo per cui i Tre Re “seguono” la stella dell’Est (Sirio) allo scopo di trovare il luogo in cui è nato il Sole.

La Vergine Maria è la costellazione Virgo, nota anche come “Vergine”. Viene anche chiamata “la Casa del Pane, e la rappresentazione di Virgo è una vergine con un fascio di grano.
La Casa del Pane e il grano rappresentano i mesi di agosto e settembre, il periodo della raccolta. Inoltre la parola “Betemme” si traduce letteralmente con “Casa del Pane”. “Betlemme” si riferisce quindi alla costellazione della Vergine.
Vi è un altro fenomeno interessante che avviene attorno al 25 dicembre, o nel solstizio di inverno. Dal solstizio d’estate a quello invernale, le giornate diventano sempre più brevi e rigide. Osservandolo dall’Emisfero Nord, il Sole sembra muoversi verso Sud, diventando sempre più piccolo e flebile.
Le giornate più corte e la fine dei raccolti, vicino al solstizio d’inverno, simboleggiano per gli antichi il processo della morte. Era la “morte” del Sole. Entro il 22 dicembre, la morte del Sole era pienamente compiuta, e dato che il Sole si muove verso Sud continuamente per 6 mesi, questo è anche il giorno in cui si trova nel suo punto più basso. Ora accade una cosa strana. Il Sole smette di muoversi verso Sud, almeno in modo sensibile, per 3 giorni. Durante questa pausa, il Sole rimane nelle vicinanze della costellazione della Croce del Sud, o della Croce. E dopo questa pausa, il 25 dicembre, il Sole si muove di 1 grado, stavolta verso Nord, portando giorni più lunghi, calore e la primavera. Per questo motivo si diceva: Il Sole è morto sulla Croce, è rimasto morto per 3 giorni, e poi è risorto o rinato.
Questa è la ragione per cui Gesù e numerose altre divinità solari hanno in comune la crocifissione, la morte per 3 giorni, e la resurrezione.
È il periodo di transizione dopo il quale il Sole cambia direzione verso l’Emisfero Nord, portando la primavera e dunque la salvezza. Tuttavia, non si celebrava la resurrezione del Sole, se non fino all’equinozio di primavera o “Pasqua”. Questo perchè nell’equinozio di primavera il Sole annienta ufficialmente le tenebre, le giornate diventano via via più lunghe rispetto alla notte, e riemergono le condizioni rivitalizzanti della primavera.
Probabilmente l’aspetto più evidente di tutto il simbolismo astrologico attorno alla figura di Gesù, è la figura dei 12 discepoli. Sono semplicemente le 12 costellazioni dello Zodiaco, con le quali Gesù, simbolo del Sole, si accompagna nel suo viaggio.
Di fatto il numero 12 è molto ricorrente in tutta la Bibbia.
•12 Tribù di Israele
•12 Fratelli di Giuseppe
•12 Giudici di Israele
•12 Profeti dell’Antico Testamento
•12 Grandi Patriarchi
•12 Re d’Israele

La Croce dello Zodiaco, ovvero la vita metaforica del Sole, non era soltanto un’espressione artistica, o uno strumento per tracciare i movimenti del Sole. Ma era anche un simbolo spirituale pagano, la cui versione semplificata era simile a quella della croce . Questo non è un simbolo della religione cristiana, ma è l’adattamento pagano della croce dello Zodiaco.

Ecco perchè Gesù nelle prime raffigurazioni, è sempre col volto davanti alla croce, dato che Gesù è il Sole, il “Sole Divino”, la “Luce del Mondo”, il “Salvatore Risorto”, colui che ritornerà, come fa ogni mattina, la “gliria di Dio”, che proteggerà dall’operato delle tenebre, “rinascendo dall’alto” ogni mattina, “venendo dalle nubi”, “alto nel cielo”, con la sua “Corona di Spine”, o raggi di Sole.

Tra le molte metafore astrologiche, astronomiche presenti nella Bibbia, una delle più importanti ha a che vedere con le “Ere”. In tutte le Sacre Scritture vi sono numerosi riferimenti alla “Era” . Ma occorre prima capire il fenomeno della precessione degli equinozi. Gli antichi Egizi, come molte altre civiltà venute molto prima, capirono che all’incirca ogni 2150 anni, all’alba dell’equinozio di primavera, il Sole sorge in corrispondenza di un diverso segno dello Zodiaco. Questo è dovuto alla lenta rotazione angolare che la Terra mantiene mentre ruota sul proprio asse. Questo viene chiamato “precessione” perchè le costellazioni si muovono a ritroso, nel senso opposto al ciclo normale annuale. Per attraversare tutti e 12 i segni dello Zodiaco, la precessione degli equinozi richiede all’incirca 25.765 anni, detto anche il “Grande Anno”, e le antiche civiltà questo lo sapevano molto bene. E si riferivano a ciascun periodo di 2150 anni come ad un “Era”. Dal 4300 a.C. Fino al 2150 a.C. C’è stata l’Età del Toro. Dal 2150 a.C. Fino al 1 d.C., c’è stata l’Età dell’Ariete. Dal 1 d.C. Fino al 2.150 d.C. Vi è l’Età dei Pesci, l’Era attualmente in corso. (Qualcuno però dice che finirà nel 2012, ndr) E attorno al 2150 d.C., entreremo nella nuova Era, l’Età dell’Acquario.
La Bibbia riflette, in linea generale, un moto simbolico attraverso 3 Ere,
prevedendone una quarta.
Nell’Antico Testamento, quando Mosè scende dal Monte Sinai con i 10 Comandamenti, rimane sconvolto nel vedere la propria gente adorare un vitello dorato. Difatti Mosè frantumò le tavole di pietra, e ordinò alla propria gente di uccidersi l’un l’altro così da potersi purificare.
La maggioranza degli studiosi biblici attribuisce questa collera di Mosè al fatto che gli Israeliti stavano adorando un “falso idolo”, o qualcosa di simile. In realtà il toro dorato si riferisce all’Età del Toro, mentre Mosè rappresenta la nuova Età dell’Ariete.
È per questo che ancora oggi gli ebrei suonano il “corno dell’ariete”. Mosè rappresenta la nuova Età dell’Ariete, e nella nuova Era, tutti devono liberarsi di quella precedente. Anche altre divinità rimarcano queste transizioni, come Mitra, divinità precristiana che uccide il Toro, con la stessa simbologia.
Gesù è la figura che accompagna l’Era che viene dopo quella dell’Ariete, l’Età dei Pesci, o dei “Due Pesci”.
Il simbolismo del pesce è molto presente nel Nuovo Testamento, come quando Gesù sfamò 5000 persone con pane e “2 pesci”.
All’inizio della sua predicazione, in cammino verso la Galilea, aiutò “due pescatori”, che poi lo seguirono. Credo che abbiate visto tutti il “pesce di Gesù” sul retro delle auto.
Pochi sanno cosa significa veramente. È un simbolismo astrologico pagano del Regno Solare durante l’Età dei Pesci. Anche la presunta nascità di Gesù coincide essenzialmente con l’inizio di questa Era.
In Luca 22,10 quando i discepoli chiedono a Gesù dove si terrà la prossima Pasqua dopo che lui se ne sarà andato, Gesù risponde:

Quando voi entrerete nella città, vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua…
seguitelo nella casa dove entrerà

Questo passo, tra tutti i riferimenti astrologici, è uno dei più rivelatori. L’uomo che porta una brocca d’acqua è Acquario, che viene sempre raffiguratoda un uomo che versa una brocca d’acqua.
L’Acquario rappresenta l’Età che verrà dopo quella dei Pesci, e quando il Sole (il Sole di Dio) lascerà l’Età dei Pesci (Gesù) , “entrerà” nella Casa dell’Acquario, dato che Acquario viene dopo i Pesci nella precessione degli equinozi. Gesù sta soltanto dicendo che dopo l’Età dei Pesci vi sarà l’Età dell’Acquario.
Abbiamo tutti sentito parlare dei “tempi finali” e della “fine del mondo”. Oltre alle descrizioni caricaturali presenti nell’Apocalisse, la fonte principale di questa idea viene da Matteo 28,20 , in cui Gesù dice: “Io sarò con voi fino alla fine del mondo”. Tuttavia, nella versione autorizzata della Bibbia, la parola “mondo” è un errore di traduzione, tra i molti presenti. In realtà la parola utilizzata nella versione originale è “aeon”, che significa “Era”.
Io sarò con voi fino alla fine dell’Era
Vero, perchè la personificazione dell’Età dei Pesci nel Gesù-Sole, terminerà quando il Sole sarà entrato nell’Età dell’Acquario. L’intero concetto di “tempi finali” e “fine del mondo” è una allegoria astrologica male interpretata. Diciamolo ai 100 milioni circa di persone in America che credono che la fine del mondo sia vicina.
Inoltre la figura di Gesù, come ibrido astrologico e letterario, è un plagio molto esplicito del Dio Sole egiziano Horus. Sulle mura del Tempio di Luxor in Egitto, da oltre 3500 anni fa, sono presenti affreschi (Figura 4) relativi all’Annunciazione, all’immacolata concezione, alla nascita e all’adorazione di Horus. Gli affreschi iniziano con Thaw che annuncia alla vergine Iside il concepimento di Horus, poi Nef, lo Spirito Santo che feconda la vergine, e di seguito l’Immacolata Concezione, e l’adorazione.
Questa è esattamente la storia del miracolo del concepimento di Gesù. Di fatto le analogie letterali tra la religione egiziana e quella cristiana sono sconcertanti.

E il plagio non si ferma qui. La storia di Noè e dell’Arca di Noè è presa direttamente dalla tradizione. Il concetto di “Diluvio Universale” è onnipresente nel mondo antico, con più di 200 diversi riferimenti in periodi e tempi differenti. Tuttavia, nella ricerca di una fonte pre-cristiana, basta soffermarsi sull’Epopea di Gilgamesh, scritta nel 2600 a.C. Questo poema narra di un “Grande Diluvio” per mano di Dio, un’Arca con all’interno gli animali da salvare, persino la liberazione e il ritorno di una colomba, tutti aspetti in comune con la storia biblica, e ci sono molte altre analogie.
C’è poi la storia plagiata di Mosè.
Riguardo alla nascita di Mosè, è scritto che è stato adagiato in una cesta di canne e posato sulle acque di un fiume, così da sfuggire all’infanticidio. Viene poi raccolto da una figlia della nobiltà e cresciuto come un principe.
Questa storia è stata completamente copiata dal mito di Sargon di Accadia, del 2.250 a.C. circa. Sargon nasce, viene posto in una cesta per evitare l’infanticidio, e viene posato sulle acque del fiume. Viene poi raccolto e cresciuto da Akki, ostetrica della famiglia reale.

Mosè è anche noto come il “donatore della legge”, colui che diede i Dieci Comandamenti, o “legge mosaica”. Tuttavia l’idea di una “legge divina” trasmessa ad un profeta è anch’essa un tema ricorrente molto antico. Mosè è solo uno tra i tanti donatori della legge della storia mitologica. In India il grande donatore della legge era Manou. In Creta, Minos salì sul monte Dicta, dove Zeus gli diede le leggi sacre. In Egitto vi fu Mises, che portò le tavole di pietra con incisevi sopra le leggi di Dio.

Manou, Minos, Mises, Mosè.

Sui Dieci Comandamenti, questi sono stati del tutto presi dalla Formula 125 del Libro della Morte egiziano.

Dal Libro della Morte, “Io non ho rubato” diventa “Tu non ruberai”, “Io non ho ucciso” diventa “Tu non ucciderai”, “Io non ho mentito” diventa “Tu non farai falsa testimonianza”, e così via.

Di fatto la religione egiziana probabilmente costituisce il principale fondamento per la teologia giudaico-cristiana.

-Battesimo
-Vita dopo la morte
-Giudizio finale
-Immacolata Concezione
-Resurrezione
-Crocifissione
-Arca dell’alleanza
-Circoncisione
-Salvatore
-Santa Eucaristia
-Diluvio Universale
-Pasqua
-Natale
-Ascesa al cielo

e molti molti altri, sono tutti elementi egiziani, creati molto prima del Cristianesimo o dell’Ebraismo.

Giustino il Martire, uno dei primi storici e difensori cristiani, scrisse: “Quando noi diciamo che Lui, Gesù Cristo, il nostro Maestro, non è nato da unione sessuale, è stato crocifisso, morto, poi risorto, e infine asceso al Cielo, non proponiamo nulla di diverso da ciò che voi credete riguardo all’essere figli del Dio Giove”. In un altro scritto, Giustino disse: “Lui è nato da una vergine, accettatelo allo stesso modo con ciò che credete del [dio] Perseo.” E’ ovvio che Giustino e primi cristiani sapevano quanto il Cristianesimo fosse simile alle religioni pagane. Tuttavia Giustino trovò una soluzione. Per quanto gli riguardava, questa era opera del Diavolo. Il Diavolo ebbe l’accortezza di precedere la venuta di Cristo, allo scopo di creare queste stesse caratteristiche nel mondo pagano.

La Bibbia non è altro che un ibrido letterario astro-teologico, proprio come quasi tutti i miti religiosi venuti prima. Di fatto il “trasferimento” degli attributi di un soggetto in uno nuovo, può essere ritrovato nella Bibbia stessa. Nel vecchio testamento c’è la storia di Giuseppe. Giuseppe è il “prototipo” della figura di Gesù.

Giuseppe nacque da una nascita miracolosa
Gesù nacque da una nascita miracolosa.
Giuseppe aveva 12 fratelli
Gesù aveva 12 discepoli
Giuseppe venne venduto per 20 monete d’argento,
Gesù venne venduto per 30 monete d’argento
Il fratello Giuda propone la vendita di Giuseppe
il discepolo Giuda propone la vendita di Gesù
Giuseppe comincia la sua attività all’età di 30 anni
Gesù comincia la sua attività all’età di 30 anni

Ci sono molte altre analogie.

Gesù storico
Esistono prove storiche, non bibliche, sull’esistenza di un uomo di nome Gesù, figlio di Maria, che viaggiava assieme a 12 discepoli, guariva i malati, e via dicendo? Ci sono numerosi storici che vissero nei dintorni dell’area mediterranea, sia durante, che subito dopo la presunta vita di Gesù. Quanti di questi storici documentano la vita di Gesù? Nemmeno uno.
Questo non significa tuttavia che i difensori del “Gesù storico” non abbiano sostenuto il contrario.
Per dimostrare l’esistenza di Gesù vengono di solito citati quattro storici: Plinio il Giovane, Svetonio e Tacito sono i primi tre.
Ogni riferimento, nel migliore dei casi, consiste solo in poche frasi, e relativo soltanto alla parola “Cresto” o “Cristo”, che di fatto non è un nome, ma un titolo. “Cristo” significa “il Messia”.
La quarta fonte è Giuseppe Flavio, fonte dimostrata essere un falso. Viene purtroppo considerata ancora una fonte attendibile.

Una persona resuscitata dalla morte, ascesa al cielo sotto gli occhi di tutti, e che ha compiuto molti miracoli, a lui attribuiti, non dovrebbe comparire negli annali della storia? Non vi compare, perché una volta valutate le prove, ci sono alte probabilità che la figura nota come Gesù, non sia esistita nemmeno.

“La religione cristiana è una parodia della venerazione solare, nella quale hanno messo un uomo di nome Gesù al posto del Sole, e gli hanno reso l’adorazione originariamente resa al Sole.”
Thomas Paine 1737-1809

La verità è che Gesù è la divinità solare della setta cristiana gnostica, e come tutte le altre divinità pagane, è una figura mitologica. E’ stato il sistema politico che ha cercato di “storicizzare” la figura di Gesù, per avere controllo sociale.

Nel 325 d.C. a Roma, l’imperatore Costantino riunì il Concilio di Nicea. E’ lì che fu instaurata la Dottrina Cristiana politicamente motivata, dando così inizio ad una lunga storia di massacri ed inganno spirituale. E per i 1.600 anni seguenti, il Vaticano ha mantenuto il suo controllo politico su tutta l’Europa, portando a periodi “felici” come il Medio Evo, o ad eventi “gloriosi” come le Crociate e l’Inquisizione.

La religione cristiana, come tutti gli altri sistemi di credo teistico, è l’inganno del secolo.

E’ servita ad allontanare gli uomini dal mondo naturale, e per dividere tra di loro stessi gli uomini. Appoggia una cieca sottomissione alla verità. Riduce la responsabilità dell’uomo, dato che “Dio controlla ogni cosa, e così, crimini orrendi possono essere giustificati nel nome del “volere divino”.

La religione non potrà mai riformare l’umanità perché la religione è schiavitù.
Robert G. Ingersoll 1833-1899

La religione autorizza coloro che sanno la verità ad usare il mito, per manipolare e controllare la società.
Il mito religioso è il più forte strumento mai creato, usato come base psicologica sopra la quale possono prosperare altri miti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: